ACCEDI AL CANALE WHATSAPP E RICEVI LE TOP NEWS DEL GIORNO:

ACCEDI AL CANALE
Teramo

Operaio morto a Teramo, Fim Cisl: “Faremo informazione nelle scuole”

Sayonara Tortoreto

Il direttivo della FIM CISL di Teramo “vuole richiamare l’intera società ad una seria e doverosa riflessione sul perché la morte bianca sia ormai divenuta una quotidiana realtà ineluttabile, ormai praticamente metabolizzata dal vivere e sentire comune. Noi non ci arrendiamo al cordoglio, non accettiamo la rassegnazione e chiediamo ad ogni collega, ogni datore di lavoro, ogni membro delle Istituzioni, ogni addetto della carta stampata, ogni singolo cittadino, ma anche e soprattutto a noi stessi, di contribuire quotidianamente alla necessaria metamorfosi di una annosa, insostenibile, drammatica realtà per raggiungere un grado di civiltà accettabile”.

Il riferimento è all’operaio deceduto mercoledì pomeriggio mentre lavorava nel cantiere della chiesa di Sant’Agostino a Teramo. 

“Come direttivo FIM Cisl, supportati dalla AST Cisl, abbiamo deciso di intraprendere future iniziative di sensibilizzazione ed informazione rispetto alla sicurezza nei luoghi di lavoro nelle scuole, ad iniziare da quelle primarie, che vedranno impegnati delegati, RSU e RLS nel tentativo di ingenerare una nuova mentalità e maggiore coscienza verso la sicurezza nelle prossime generazioni di lavoratori. Ci auguriamo che questa ennesima morte bianca non passi nel dimenticatoio più rapidamente delle altre solo perché ha colpito un lavoratore extracomunitario, aggiungendo così allo strazio di una giovane vita spezzata la vergogna della discriminazione. Siamo stanchi e siamo stufi come lavoratrici e lavoratori metalmeccanici di contare le vite spezzate di nostri colleghi che non potranno più riabbracciare i loro cari per qualche euro di dignità”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio